Eventi Pavia

Eventi a Pavia... Direfarevedere

I cine-cinesi a Pavia

1 211
a

E così alla fine, come ampiamente annunciato, la troupe della mega produzione cinematografica cinese è  sbarcata a Pavia.

La prima osservazione che mi sorge spontanea è che questa “piccola invasione” non abbia, almeno per ora, lasciato alcun segno nelle impassibili esistenze pavesi. Non un aneddoto, un retroscena, un simpatico pettegolezzo. Niente di niente. Ho pure chiesto alle mie fonti più attente alle questioni mondane o addentro alle locali faccende e non ne ho spuntato nessuna informazione.

Insomma, che sia un pregio o un difetto, il nativo pavese (specie se di una certa età) non si scompone mai. Osserva, non si esalta, magari esprime qualche perplessità, ma con estrema pacatezza. E’ la sua indole.

La seconda osservazione riguarda la trama della pellicola. Da quello che ho letto una parte della vicenda prevede, ad un certo punto, una sorta di ribellione messa in atto dai negozianti pavesi per contrastare la supremazia commerciale e territoriale da parte dei temuti uomini del dragone: mi pare di avere capito che il plot del film preveda, tra l’altro, una contrasto tra cinesi e pavesi per il controllo dei negozi di Strada Nuova (sic!).

Dunque, altro che action- movie, trattasi di pieno realismo cinamografico!

Terza osservazione. E’ interessante notare come i forestieri talvolta vedano elementi e luoghi,  in maniera totalmente diversa (e dunque nuova) ciò che è sotto gli occhi dei locali. Cerco di spiegarmi meglio. Mi ha incuriosito il fatto che  la troupe avesse scelto come luogo per allestire il punto di ristoro dal lavoro, quella specie di piccola piazza in via Defendente Sacchi dove una volta era collocata la caserma dei Carabinieri. A me non sarebbe mai venuto in mente di collocarla lì; non dico che sia un brutto posto, dico solo che non ci avrei mai pensato: per me quello è sempre stato un punto di passaggio, non l’ho mai considerato come una piccola piazza.

Forse è proprio questo il bello dello scambio con gli altri, con chi vive da un’ altra parte: ci può far vedere i luoghi che abbiamo sotto il nostro naso in modo completamente diverso, nuovo.

E questo è sicuramente il bello del cinema.

 

 

 

 

 

L'Autore / 

Laura
Laura

Mamma di corsa e che corre (runner!) tutti i giorni....anche io, come a volte capita, ho preferito lasciare il mio lavoro (che mi piaceva davvero tanto!), cui ero arrivata dopo una Laurea, un Master in Cattolica di Milano (Management dell'evento artistico) ed uno allo IED (Pubbliche Relazioni) sempre in Milano. Ho lavorato per alcuni anni con le principali istituzioni culturali milanesi (Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica di Milano, Piccolo Teatro). E poi mamma tout court. Ogni rovescio della medaglia ha però l'altro lato: stando a casa ho avuto tempo di studiare molto e riflettere sui diversi aspetti dell'esistenza, tanto che mi sono diplomata in Counseling Filosofico, dopo un corso triennale, presso l' Istituto Superiore di Ricerca in Filosofia, Psicologia, Psichiatria (ISFIPP) di Torino. Così, in questi anni, ho potuto dedicarmi ad una delle cose che più mi piace fare: ascoltare le storie delle persone.

1 Commento

  1. Sergio 11 aprile 2015 at 21:58 -  Rispondi

    Mi sono fatto un sacco di risate sull’assenza di aneddoti. Chissà se chi ha lavorato più addentro alla produzione ci potrà in futuro raccontare qualcosa. Che ne so qualche avance alla Cucinotta da parte dei vecchietti che vicino alla Cupola Arnaboldi giocano a carte, oppure qualche stunt-man che si innamora di una pavese. Un po’ di colore insomma! 😛

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato *

2 × cinque =

Scarica l'APP gratuita e scopri Pavia sul tuo smartphone..Monumenti, Storie, Meteo, Eventi, Negozi e..sconti sempre con te !!
icona apple store icona google play Banner comitato centro storico

Ultime dal blog

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.

I Nostri Amici